5 semplici test per calcolare il BMI e gli esercizi per dimagrire


Qualora hai deciso di cominciare la tua battaglia alla cellulite devi istruirsi a conoscere il tuo nemico. La cellulite difatti è una vera e propria infiammazione come sostiene la famosa pubblicità, e perciò come malattia va trattata a 360 gradi.

Per iniziare i tuoi workout specifici per i glutei con lo scopo di combattere la cellulite inizia a stimare se hai anche da perdere peso. In talcaso è utile associare agli esercizi per i glutei anche una buona dieta a basso contenuto di grassi consigliata dal tuo specialista.




In aggiunta agli esercizi specifici e ai trattamenti non dimenticare che esistono anche massoterapie che riescono ad aituare il microcircolo a drenare meglio i liquidi in eccesso. E poi, via libera a sessioni di yoga, maratone e bici all'esteso che riducono l'accumulo nella parte bassa del nostro corpo.


Vietato totalmente stare in sala pesi e fare sforzi esagerati come panca e crossfit. I muscoli in quelle condizioni accumulano acqua in eccesso e peggiorerebbero la situazione.




WORKOUT PER GLUTEI.



Un esercizio fondamentale elementare e decisamente efficace per aiutare a diminuire la cellulite (anche in presenza di adipe) su sedere e parte bassa, è lo squat.

Attenzione a svolgere l'esercizio correttamente e senza traumi. Per compiere uno squat è indispensabile inchinarsi addietro come per sedersi, mantenendo dorso dritto, senza oltrepassare mai con le ginocchia la punta delle scarpe.

Per avere un'effetto anticellulite, lo squat va fatto piano e consapevolmente (no a movimenti veloci). È importantissimo anche essere costanti nel tempo per avere gli obiettivi desiderati: il ritmo consigliata è a giorni alternati.

Se vuoi vedere altre schede complete guarda questo: esercizio glutei:


AFFONDI SALTATI.


Immediatamente oltre lo Squat, l'affondo è il secondo indispensabile esercizio da provare contro la ritensione idrica


Per eseguire questo esercizio necessita piegarsi alternativamente su ambedue le gambe tenendo una postura con schiena dritta e vista in avanti. Tieni a mente di contrarre l'addome durante questo eserczio, per lavorare anche sulla parte alta insieme ai glutei.

Come perl'esercizio precedente, anche questo esercizio va fatto con movimenti lenti e consapevolezza. Anche in questo caso evitando accuratamente scatti e movimenti bruschi.

L'esecuzione, quindi, deve essere il più possibile "fluida".

Continua a leggere sul sito ufficiale


COME USARE IL FOAM ROLLER.

È l'ultimo accessorio fitness cult per ridurre la ritensione idrica e distendere i muscoli troppo contratti. Stiamo parlando del foam roller: un rullo in schiuma, dalla grandezza variabile e dalla superficie liscia o irregolare.


Così come per gli allenamentida seguire in palestra, questo accessorio è in grado di lavorare sui punti critici delle donne che vengono colpite dalla cellulite.


Si può adoperare sulle gambe facendo scivolare su e giù il rullo effettuando un massaggio nella zona da trattare.

In ugual modo vale per il sedere: ci si siede sul rullo e si fanno scorrere i glutei avanti e indietro.



USARE LO YOGA PER PREVENIRE LA CELLULITE.


Contemporaneamente ai workout, non esiste nulla di meglio per combattere la cellulite che lo Yoga. Questa disciplina infatti, da sempre diffusa in oriente, viene utilizzata soprattutto a ripristinare l'equilibrio del nostro corpo, spirituale ed esteriore, e quindi favorire una regolare circolazione linfatica.

Le posizioni che funzionano meglio contro la ritensione idrica di glutei e cosce, sono quelli "capovolti". Questi ultimi, difatti, ristabiliscono la giusta circolazione linfatica e riducono i ristagni di liquidi e tossine (all'origine della cellulite).

L'asana più consigliato è l'aratro. Si parte da una postura supina e si alzano entrambe le gambe tese fino a portarle al di là della testa. Le braccia restano ben salde a terra e distese in rotta esattamente opposta alle gambe.

Fonte




1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

Comments on “5 semplici test per calcolare il BMI e gli esercizi per dimagrire”

Leave a Reply

Gravatar